martedì 30 agosto 2011

Battute

Dopo le pialle per spianare le pialle per battute sono sicuramente quelle più utilizzate. Questi attrezzi per poter funzionare bene hanno bisogno di una suola assolutamente piatta, una lama assolutamente squadrata e i fianchi (almeno uno) assolutamente a 90° con la suola.


La lama può essere diritta o anche skewed. Nel caso della sponderuola semplice, come quella mostrata sopra è necessario utilizzare un listello squadrato che faccia da guida per le prime passate. Poi la stessa battuta che si sta creando fungerà allo scopo. La lama deve essere affilata bene e di larghezza appena superiore alla suola, per permettere un taglio corretto anche nello spigolo interno. Come per le scanalature anche per le battute si preferisce iniziare a tagliare all’estremo anteriore del pezzo e andare a ritroso nei successivi passaggi fino ad ottenere un taglio dell’intero pezzo. Poi si procede normalmente, avendo cura di tenere la pialla perfettamente verticale, ben adesa lateralmente al pezzo e controllando ogni tanto che il taglio sia in squadra. L’esatta profondità di taglio è indispensabile per poter utilizzare questo attrezzo e va quindi ricercata con particolare cura. Più versatili sono le pialle per battuta dotate di stop di profondità e guida parallela che facilitano molto il lavoro.
 Queste ultime sono dotate solitamente anche di spurs o nickers (piccole lame laterali) atte a incidere le fibre quando l’attrezzo è usato traverso vena o su venature particolarmente impegnative.



Nessun commento:

Posta un commento