martedì 30 agosto 2011

Pialle in Metallo per Spianare: Scrub Planes e Bench Planes

Stanley! E’ forse questo il marchio che più di tutti rappresenta la classica pialla in metallo. Dal 1867 fino ai giorni nostri le pialle metalliche col sistema di regolazione Bailey hanno dominato nei laboratori di falegnameria, vantando numerosissimi tentativi di imitazione, alcuni molto riusciti come Record, Sargent e Millers Falls (Foto seguenti).
 

Di tutta la produzione Stanley, il periodo migliore è quello comprendente i primi tre decenni del XX secolo (1907-1932), periodo in cui i modelli acquisirono tutti i miglioramenti funzionali importanti, prima di perdere in qualità di materiali costruttivi adoperati e precisione nelle realizzazioni.



 







Scrub planes
La prima pialla per spianare che si usa sul legno grezzo è lo sbozzino (scrub plane).








Essa ha una suola abbastanza stretta e il tagliente, senza controferro, è sagomato a forma di arco. La bocca è molto larga. E’ adatta a tagliare trucioli molto spessi ed è capace di rimuovere grosse quantità di legno, tanto da essere spesso utilizzata per portare rapidamente un pezzo allo spessore voluto.
Stanley fece due modelli di lunghezza diversa la #40 (foto) e la #40 ½ (più lunga).


Bench planes
Le bench planes Stanley vanno dalla #1 alla  #8.
Tra queste si trovano altre misure intermedie, come di seguito indicato:

#1      13,97 cm
#2      17,78 cm
#3      20,32 cm
#4      22,86 cm
#4 ½  25,52 cm
#5 ¼  29,2 cm
#5      35,56 cm
#5 ½  38,10 cm
#6      45,72 cm
#7      55,88 cm
#8      60,96 cm


 N°1
 N°2
 N°3
 N°4
 N°4 1/2
 N°5 1/4
 N°5
 N°5 1/2
 N°6
N°7








N°8

Le altre case produttrici fecero delle misure uguali anche se spesso la numerazione del modello non seguiva lo schema Stanley.
La #1 e la #2 sono delle pialle veramente di piccole dimensioni e di limitata utilità, soprattutto la #1. A causa della loro più scarsa diffusione sono molto ambite dai collezionisti e raggiungono sovente quotazioni di centinaia di euro (anche migliaia per la #1).
La #3 e la #4 e la #4 1/2 sono utilizzate come smoothing planes. La #3 può essere preferita in qualche occasione per la sua grande maneggevolezza, soprattutto su pezzi difficili con venatura contrastante. 
La #4 ½ torna particolarmente utile nella lisciatura di larghe superfici e per pareggiare i pannelli dopo aver incollato i pezzi.
La #5 ¼ è forse uno dei modelli meno utili. Monta la stessa lama della #3 ma è più lunga, quasi una Jack Junior. Infatti fu molto utilizzata dai ragazzi nelle scuole come pialla da tirocinio.
La #5, detta anche Jack plane è forse la misura di pialla più diffusa, scelta spesso come prima pialla da acquistare. La sua maggiore lunghezza, unitamente alla ottima maneggevolezza ne fa la pialla di elezione per rendere il pezzo uniforme e abbastanza piano.
La #5 ½ e la #6 possono tornare utili come jack planes su pezzi di generose dimensioni.
La #7 e la #8 sono pialle da livellamento, chiamate anche jointer perché utilizzate per spianare i bordi delle tavole prima di incollarle a formare pannelli.


Nessun commento:

Posta un commento