martedì 30 agosto 2011

Scanalature

La scanalatura consiste nel praticare solchi, solitamente più profondi che larghi, nel legno, sia lungovena che traverso vena per creare la sede per pannelli o anche per praticare incastri. Le pialle utilizzate per questo lavoro sono gli incorsatoi.


Il pezzo va fissato in maniera ferma al banco di lavoro, utilizzando appositi sistemi di fissaggio (morse e cani) o se la lavorazione lo consente anche inchiodando il pezzo ad un supporto più lungo a sua volta morsettato al banco.
Le lame degli incorsatoi hanno solitamente un angolo di seduta e quindi di taglio intorno ai 50°. Lo smusso può essere affilato intorno ai 30-35°.
Il tagliente deve essere ben squadrato. La regolazione della profondità di taglio prenderà un po’ di tempo ma è essenziale per un taglio efficiente. La guida laterale deve essere perfettamente parallela alla slitta che porta la lama ed è bene controllare con un righello di precisione l’equidistanza alle due estremità della pialla. Anche il bordo del pezzo dove scorre la guida deve essere naturalmente livellato a dovere. Si setta la lama affinché sia appena capace di produrre trucioli e si comincia a tagliare il solco. In questa prima fase è essenziale tenere la pialla perfettamente perpendicolare al pezzo e la guida ben adesa al bordo. Il taglio comincia all’estremità anteriore del pezzo e ad ogni passaggio si arretra l’attrezzo di un poco, fino a raggiungere l’estremità posteriore.


A questo punto si può dare un po’ più di profondità all’azione della lama e si continua con passaggi regolari e completi fino a che lo stop di profondità precedentemente regolato non impedisce alla lama ti tagliare ulteriormente. La scanalatura è terminata. 


Per eseguire scanalature traverso vena (dado) è necessario praticare preventivamente un taglio con la sega sui due bordi laterali e quindi utilizzare l’incorsatoio (se il canale è situato nelle vicinanze di una estremità del pezzo). In alternativa si potrà utilizzare una pialla speciale, dado plane, che oltre alla lama principale (solitamente skewed) possiede anche una lama secondaria o degli spurs nel caso delle metalliche, come la Stanley #39 mostrata in figura, che hanno il compito di tagliare le fibre ai due lati della scanalatura precedendo l’azione della lama principale.



 Per poter iniziare il taglio è necessario utilizzare un listello fissato su un lato della scanalatura che farà da guida alla pialla.


5 commenti:

  1. BUON GIORNO A TUTTI VOI, SONO FILIPPO UN APPUNTATO DEI CARABINIERI CON LA PASSIONE DELLA LAVORAZIONE DEL LEGNO.
    IN EFFETTI E' MERAVIGLIOSO LAVORARE CON LE PIALLE E I SUOI AFFINI, CON CIO' SIAMO PIU' VICINI AL LEGNO STESSO CHE ANDIAMO A LAVORARE, PORTANDOCI INDIETRO NEL TEMPO QUANDO ANTICHI MAESTRI INSEGNAVANO I LORO ALLIEVI, LE PROPRIE ESPERIENZE CON IL LEGNO.
    SONO FELICE DI AVER TROVATO QUESTO SITO, CHE AIUTA, CHI CON LE PIALLE, NON HA MAI LAVORATO O LO HA FATTO MALE.
    NEL CONTEMPO, CHIEDO A VOI, COME SI PUO' AUTOCOSTRUIRE UN INCORSATOIO IN METALLO OPPURE DI LEGNO. SAREI GRADITO, DELLA RISPOSTA POSITIVA PER I DUE MANUFATTI.
    CERTO DELLA RISPOSTA, ANTICIPATAMENTE RINGRAZIO.-
    P.S. BUON LEGNO A TUTTI.-

    LAI FILIPPO

    RispondiElimina
  2. Ciao Filippo e benvenuto.
    Per la costruzione di un incorsatoio, a meno che non si abbiano particolari doti con la lavorazione dei metalli, mi orienterei per uno in legno, magari di tradizione nazionale. Questi ultimi sono davvero molto semplici da realizzare. Per la lama si potrebbe utilizzare una barretta di HSS. Cercherò di postare qualche foto per aiutare la realizzazione.
    A presto
    Giuliano

    RispondiElimina
  3. Ho aggiunto un paio di foto di un incorsatoio in legno di tradizione italiana al seguente link:
    http://piallechepassione.blogspot.com/2011/11/un-modello-nostrano.html

    RispondiElimina
  4. CARO GIULIANO,SCUSA PER IL RITARDO. SONO FILIPPO L'APPUNTATO DEI CC. TI VIRREI RINGRAZIARE PE AVERMI RISPOSTO. APPENA POSSIBILE E TROVATO IL LEGNO, CI PROVERO'. PER IL METALLO MI DILETTO, ANCHE PERCHE' HO UN AMICO CHE E' TORNOTORE-FRESATORE, QUINDI NELLE EVENIENZE..... SE TU AVESSI DEI PROGETTI TE NE SAREI GRATO. HO NOTATO ANCHE LE FOTO, NON SONO BEN CHIARE NEI PARTICOLARI, MA ESAUSTIVE. ATTENDO TUA RISPOSTA. NELLA TUA GENTILE DISPONIBILITA', ANTICIPATAMENTE RINGRAZIO.-

    LAI FILIPPO

    RispondiElimina
  5. Ciao Filippo.Purtroppo non ho dei progetti a disposizione, ma avendone avuta una sottomano dello stesso tipo potrei aiutarti a risolvere eventuali dubbi. Se clicchi sul mio nome potrai accedere alla posta elettronica.
    Ciao
    Giuliano

    RispondiElimina